news
Ortofrutta, Confagricoltura “La mela toscana pronta a conquistare il mercato italiano”
24.08.2017

Ortofrutta, Confagricoltura “La mela toscana pronta a conquistare il mercato italiano”

Firenze, 24 agosto 2017 – Non è ancora il “tempo delle mele”, la raccolta inizia a metà settembre, e i frutti toscani hanno ancora la possibilità di crescere e ridurre gli effetti dei danni provocati dalla gelata di aprile e dalla siccità di questa estate. Pur all’interno di un’annata con il segno meno la mela toscana punta quest'anno a piazzarsi sul mercato con un valore maggiore rispetto alle danneggiate “colleghe” italiane ed europee, come spiega Confagricoltura.

“La produzione di mele in Toscana è concentrata in Valdichiana dove le gelate del 28, del 29 e del 30 aprile scorsi hanno colpito a macchia di leopardo, è successo così che il Nord e alcune zone collinari non ne hanno risentito e pur avendo dovuto affrontare la siccità che ha danneggiato tutti i settori agricoli, grazie alle escursioni termiche di queste settimane la qualità delle nostre mele è altissima”, dice Antonio Tonioni presidente della sezione prodotto ortofrutticolo di Confagricoltura Toscana.

E mentre il Trentino raccoglierà in alcune aree fino al 75 per cento in meno rispetto allo scorso anno (in Italia il calo della produzione è del 23 per cento complessivo che si traduce in circa un milione e 800 mila tonnellate), in un’annata che ha messo in ginocchio la Germania e l’Austria, che stimano di avere circa la metà della produzione del 2016, la Toscana fa i suoi conti e punta a calcolare "solo" un 20 per cento in meno, con la speranza che le dimensioni dei frutti aumentino in attesa della raccolta e che siano risparmiate ai campi bombe d’acqua e grandinate.

Secondo le leggi della domanda e dell’offerta si avrà un aumento del valore del prodotto, ma commenta Tonioni l’aumento di prezzi non sarà tale da stravolgere il mercato: “Avremo ottime mele toscane in commercio con prezzi non molto più alti che in passato”.